PA GROUP ANNUNCIA LA COSTITUZIONE DI PA EVOLUTION

PA Group, dopo la recente acquisizione di Easyconn e la costituzione della NewCo PA Maghreb, continua ad investire e crescere.
Da qualche giorno è infatti operativa PA Evolution, società che aggrega le competenze di Ecobyte Technology, Novustech e InIT, tre storiche aziende specializzate negli ambiti dello sviluppo di applicazioni verticali e soluzioni per Aziende e Pubbliche Amministrazioni che vogliono investire negli ambiti Digital Innovation, Cybersecurity e Telecomunicazioni, accedere a servizi di consulenza per Governance, Risk and Compliance aumentando le proprie performance aziendali.

“PA Evolution rappresenta l’inizio di una nuova fase di sviluppo, che basa le proprie fondamenta sulle competenze e professionalità costruite nel corso degli anni dalle tre singole aziende. – afferma Ennio Baracetti, Presidente di PA Group – L’operazione appena effettuata darà infatti ulteriore forza e slancio all’evoluzione non solo delle aziende interessate alla fusione, ma all’intero Gruppo che si presenta al mercato in forma sempre più aggregata e integrata, garantendo al cliente finale il massimo dell’efficienza, competitività e qualità.”

Secondo i recenti piani di investimento e crescita, la fusione appena effettuata porterà il Gruppo a rafforzare la sua posizione di spicco nell’ambito ICT e porterà PA Evolution a diventare un player globale dell’innovazione digitale, grazie anche alla consolidata collaborazione con i players del settore Telecomunicazioni (Cisco, Huawei) e Sicurezza (McAfee, Forcepoint, Symantec, Veritas, Forescout, Trend Micro, Proofpoint, Net).

PA Evolution, attraverso la sua capacità di trasformazione del business adottando metodologia AGILE ed introducendo DevOPS e Continuous Delivery, ha già acquisito importanti contratti con i leader mondiali del settore automotive, che rinnovando la loro fiducia verso il team di esperti, hanno affidato l’ambiziosa sfida di supportare la loro Digital Transformation.

“L’unione del know-how di tre importanti realtà darà slancio e forza a PA Evolution, che si presenta come una realtà aggregata capace di fornire soluzioni sempre più specifiche e customizzate in base alle richieste del mercato globale. – commenta Maurizio Valente, Responsabile, per conto della Holding, del piano di fusione di PA Evolution – Alle competenze di innovazione applicativa digitale, si uniscono quelle sulla gestione infrastrutturale e sulla sicurezza che, integrate con la consulenza direzionale su tematiche di privacy e di qualità, fanno di PA Evolution un vero partner digitale globale per tutte le aziende che vogliono affrontare in modo serio e concreto la sfida del futuro.”

Nel bagaglio delle tre aziende ora unificate, ci sono lo sviluppo di progetti in ambito IT Security e potenziamento dei processi di protezione dati, la progettazione e implementazione dell’infrastruttura di network IP e attività di customer experience monitoring. Per le Pubbliche Amministrazioni inoltre, l’offering include piattaforme integrate per la gestione dei procedimenti (lo Sportello Unico per le attività produttive, la Sala di Conciliazione di Acquirente Unico o la piattaforma per la gestione degli Immigrati) al fine di promuovere la reingegnerizzazione dei processi e la trasparenza dei rapporti.

Leggi comunicato

PA Group inaugura Partners Associates Maghreb, una nuova società in Marocco

PA Maghreb si occupa di consulenza aziendale ed informatica, servizi di progettazione e supporto tecnico nel settore manufatturiero per guidare la Digital Innovation delle aziende.

La costituzione di Partners Associates Maghreb Sarl, con sede a Casablanca in Marocco, è il traguardo fondamentale di un percorso di crescita graduale intrapreso da PA Group; un obiettivo fortemente perseguito e raggiunto grazie anche a un lavoro di squadra volto ad ampliare ulteriormente la nostra presenza geografica sul mercato globale.” – afferma Ennio Baracetti, Presidente di PA Group e Presidente di Partners Associates Maghreb. “La scelta di espanderci in Marocco è favorita dal fatto che il Marocco è risultato un Paese in forte sviluppo, che offre ampie possibilità di investimento alle aziende pronte a cogliere quest’opportunità.” – conclude Baracetti.

PA Maghreb, in collaborazione con i grandi players del settore (Force Point, Symantec, McAfee, Veritas, ecc) si occupa anche del Risk Security Assessment, Progettazione, implementazione e gestione soluzioni di Data Loss Prevention, Progettazione, implementazione e gestione di soluzioni per la Migrazione server e routing e Email, Network, Server e Endpoint Security e infine la progettazione e gestione di sistemi di telefonia e soluzioni di comunicazione integrata.

“PA Maghreb” – spiega Alessio Fasano, AD della NewCo Magrebina – “si occupa di consulenza aziendale ed informatica, servizi di progettazione e supporto tecnico nel settore manufatturiero (in particolare tessile ed abbigliamento) per guidare la Digital Innovation delle aziende. Fornisce soluzioni informatiche personalizzate e innovative negli ambiti della cyber security, della pianificazione, della produzione, raccolta e monitoraggio dei dati dei macchinari e verifica della qualità dei prodotti finali, migliorando la competitività e performance dei propri clienti e la riduzione dei costi globali aziendali. I clienti che investono nell’acquisizione del software hanno accesso anche ai servizi di manutenzione ed assistenza, per garantire l’affidabilità e l’aggiornamento del software stesso.

L’unione dell’innovazione alla nostra esperienza è la chiave per offrire soluzioni in grado di ottimizzare le infrastrutture dei nostri Clienti” – afferma Davide Giustina, Consigliere di PA Maghreb, che continua dicendo: – “Grazie all’approccio personalizzato e alla programmazione controllata, è oggi possibile gestire l’innovazione tecnologica ed il miglioramento delle performance aziendali”.

Scarica il comunicato stampa

PA GROUP ANNUNCIA L’ACQUISIZIONE DI EASYCONN

PA Group annuncia l’acquisizione di EasyConn, società specializzata nella gestione di servizi integrati nell’ambito della connettività e fonia.

PA Group annuncia l’acquisizione di EasyConn, società specializzata nella gestione di servizi integrati nell’ambito della connettività e fonia.

Questa nuova operazione nell’ambito dell’infrastructure service and cloud services, dopo la recente acquisizione della friulana Inasset, rafforza ulteriormente il portafoglio clienti (che ad oggi conta quasi 8.000 referenze), l’integrazione industriale e il potenziale di tutte le aziende operanti sotto il controllo della holding che punta da un lato a garantire alle aziende del Gruppo il reciproco sostegno e interscambio di knowhow e risorse e, dall’altro lato, a dare un servizio sempre più completo e specializzato alla propria clientela.

L’acquisizione di EasyConn, con sede a Terni, è un tassello di importanza fondamentale per la crescita dell’offering di PA Group, con valenza nazionale e con forte valore aggiunto soprattutto per i territori di Umbria, Marche, Abruzzo, Molise e Lazio.” – afferma Ennio Baracetti, Presidente di PA Group e Presidente di EasyConn.

EasyConn è un Internet Service Provider che fornisce ai propri clienti servizi integrati di connettività e fonia su tutto il territorio italiano, con diverse tecnologie trasmissive quali Rame, Fibra (FTTC o FTTH), Ponti radio e LTE.” – commenta Ferdinando Donato, Rappresentante Legale di Easyconn, che continua – “Grazie alla partnership con i maggiori Carrier di telecomunicazioni nazionali, EasyConn è in grado di fornire connettività con velocità di picco fino a 1 Gbps.

La sua presenza in diversi PoP di interscambio dislocati sul territorio italiano, garantisce servizi veloci e affidabili, con riduzione delle latenze e bande al top delle performance.” – afferma Juri Patrizi, AD di EasyConn – “EasyConn offre inoltre servizi voce tramite una centrale telefonica in cloud e servizi VPS, ad altissime prestazioni.

Leggi comunicato

Una stanza virtuale dove risolvere le controversie con i gestori di servizi: da In.I.T. Srl unicum in Italia

La società del Gruppo PA di Udine, ha vinto la gara pubblica di Acquirente Unico creando una piattaforma integrata online.

Una stanza virtuale dove risolvere le controversie tra clienti finali e operatori (venditori o distributori) di energia elettrica, gas o servizi, secondo un modello unico su scala nazionale. È quanto, in partnership con Namirial SpA, ha ideato In.I.T. Srl, società con sede a Perugia, nata nel 1996 e dotata di un portafoglio di oltre 1.300 clienti in particolare nel mercato di Telco, pubblica amministrazione locale, industria e finanza.

 

In.I.T. fa parte del Gruppo PA di Udine, realtà leader nel settore ICT in ambito business solutions, security it, networking e system integration. Questo spazio telematico di confronto si chiama piattaforma integrata per il Servizio conciliazione clienti (Scc) ed è legata all’informatizzazione dello sportello per il consumatore; consente di gestire l’intero ciclo di vita delle procedure di conciliazione, dalla presa in carico delle istanze online alla risoluzione consensuale. Un modello, come detto, che rappresenta un unicum in Italia.

 

Questa soluzione consente alle parti di incontrarsi online e mette a disposizione un conciliatore esperto in mediazione, capace di individuare una soluzione di comune accordo. In.I.T. ha vinto la gara indetta da Acquirente Unico, società pubblica interamente partecipata da Gestori Servizi Energetici Spa con sede a Roma, e ha messo in piedi un sistema operativo che individua vari ambiti operativi per i diversi attori del sistema. Un ampio ventaglio di funzionalità accessibili tramite le interfacce di front-office (clienti, operatore o gestore e/o i loro rappresentanti/delegati) e di back-office dedicate agli utenti interni al gestore della piattaforma (responsabile del servizio, segreteria tecnica, call center, superuser, supervisore) e ai conciliatori.

 

Tra i benefici c’è quello di essere uno strumento universale, poiché attivabile nei confronti di tutti i venditori e distributori di energia elettrica, gas o servizi; è un mezzo di seconda istanza, poiché richiede il previo reclamo all’operatore, e permette un’interazione plurima (scritta, verbale e visiva) tra cliente e operatore, che si incontrano di regola appunto in “stanze virtuali”.

 

Non solo: fra i vantaggi, c’è anche quello di essere completamente online, dalla presentazione della richiesta di conciliazione, che si attua mediante modulo web, fino alla conclusione dell’intera procedura, compreso l’eventuale raggiungimento dell’accordo. I clienti privati possono attivare il servizio conciliazione anche in modalità diverse attraverso canali off-line (per esempio la posta), fermo restando che la procedura sarà poi completamente gestita online.

 

Il servizio conciliazione clienti realizzato da In.I.T. per Acquirente Unico, inoltre, mette in campo anche la tutela stra-giudiziale e garantisce la gestione di un soggetto terzo rispetto alle parti; il tutto, alla presenza di un conciliatore dotato di specifica formazione in tema di mediazione.

 

La piattaforma Scc consente lo svolgimento da remoto degli incontri, combinando funzionalità di interazione sincrona e asincrona. Il sistema di back-office consente la pianificazione degli incontri attraverso un’agenda condivisa, gestendo le comunicazioni alle parti per le convocazioni.

 

Per finalizzare il tentativo di conciliazione da remoto, in caso di esito positivo dell’incontro, il verbale redatto a cura del conciliatore deve essere sottoscritto dalle parti e per ultimo dal conciliatore stesso. A tal fine la piattaforma fornisce alle parti un servizio di firma digitale qualificata con funzionalità di apposizione e riconoscimento delle firme sui documenti elettronici gestiti.

 

È disponibile, poi, una procedura per rilasciare, agli utenti sprovvisti, certificati di firma validi per la sottoscrizione dei documenti in modalità telematica da remoto, validi una sola volta e per la durata di 1 ora. Infine, come servizio opzionale è prevista, per i documenti gestiti dal sistema, una gestione che consenta la conservazione a norma appoggiandosi a un servizio esterno qualificato.

 

La soluzione può essere offerta in modalità Software as a service (SaaS).

 

Per maggiori informazioni: marketing@pa-group.com

PA-GROUP VICINO ALLA RICERCA

Udine, 27 luglio 2018 – Tutti uniti per una serata speciale, impreziosita da una finalità benefica. Si chiama “Canta per la ricerca” l’evento, organizzato da Ennergi Reserach.

Udine, 27 luglio 2018 – Tutti uniti per una serata speciale, impreziosita da una finalità benefica. Si chiama “Canta per la ricerca” l’evento, organizzato da Ennergi Reserach in programma il prossimo venerdì 27 luglio dalle 20 al Giangio Garden di viale Vat a Udine, che mira a raccogliere fondi per combattere il cancro ed è sostenuto da diversi sponsor privati, tra i quali PA Group di Udine. L’azienda friulana, leader nel settore ICT in ambito Business Solutions, Security IT, Networking e System Integration, ha deciso di contribuire «perché ci sentiamo vicini a coloro toccati da questa patologia e anche ai ricercatori che, tra mille difficoltà, cercano di scoprire una strada per prevenire, debellare e curare questo genere di malattie», commentano dal “quartier generale” di PA Group.

“Canta per la ricerca” è un concerto con ingresso gratuito, durante il quale i quindici cantanti impegnati proporranno due brani a testa e i fondi raccolti durante l’appuntamento aiuteranno la scienza.

Per unire l’aspetto scientifico a quello più umano, cioè quello delle sensazioni che il paziente oncologico vive durante il suo percorso di malattia, PA Group ha incoraggiato la presenza all’evento anche di “Quelle dei Bigliettini Gialli”, un gruppo di donne che si sono incontrate in seguito alla malattia oncologica e che hanno saputo trasformare l’esperienza drammatica che le accomunava, in azioni generose e in favore di chi soffre, con l’idea di valorizzare il potere di un semplice pensiero positivo per infondere forza e donare un sorriso a chi ne ha bisogno. “I Bigliettini Gialli contagiano di positività i momenti grigi e la condivisione aiuta fondamentalmente a sentirsi meno soli”, questo è il pensiero portato avanti dal gruppo di queste giovani donne.

Nel corso della serata sarà possibile effettuare donazioni volontarie e, con un contributo minimo di dieci euro, gli interessati riceveranno in cambio una speciale maglietta. Non soltanto. Saranno anche distribuiti biglietti della lotteria, acquistabili al costo di due euro ciascuno, che premieranno i vincitori con una cena per due persone, alcune sedute gratuite di igiene dentale, visite senologiche senza costi, delle ore gratis con una personal trainer e, infine, alcune magliette celebrative dell’evento, stampate per l’occasione in edizione limitata. Infine, ad assicurare un tocco in più all’appuntamento, ci sarà una cucina che sfornerà varie prelibatezze.

Il ricavato della serata – derivante da donazioni, lotteria e sponsorizzazioni – sarà utilizzato per uno o più progetti relativi alla ricerca di nuovi target terapeutici per il tumore al seno. Al momento, infatti, la giovane ricercatrice Serena Bertozzi e la sua squadra stanno lavorando su alcuni fattori di trascrizione che si trovano all’interno del nucleo delle cellule del carcinoma mammario e sembrerebbero influenzare in maniera significativa la risposta ad alcuni farmaci chemioterapici. Intenderebbero, in seguito, fare alcuni studi anche sulle cellule del carcinoma mammario nell’uomo.

Tanti dunque i buoni motivi per trascorrere un venerdì sera diverso dal solito e partecipare a “Canta per la ricerca”.

Leggi comunicato

IL 1° GIUGNO TAGLIO DEL NASTRO PER ONE INASSET CENTER: RECUPERATO UN EDIFICIO DELL’EXPO 2015

Un nuovo, avveniristico quartier generale. Che non soltanto pensa all’utilizzo di spazi consoni per un’importante realtà aziendale, ma guarda anche all’ambiente e alle fonti alternative di energia.

Un nuovo, avveniristico quartier generale. Che non soltanto pensa all’utilizzo di spazi consoni per un’importante realtà aziendale, ma guarda anche all’ambiente e alle fonti alternative di energia. Tutto questo è One InAsset Center, la sede che l’impresa friulana, tra i maggiori operatori di telecomunicazioni d’Italia e del Nordest, si appresta a inaugurare.

 

Oggi, a Pasian di Prato, il taglio ufficiale del nuovo complesso di elementi tecnologici tra i più avanzati. Al suo interno, troveranno spazio i nuovi uffici tecnici, amministrativi e commerciali di InAsset e del Gruppo PA, il polo aggregante di riferimento per il settore dei provider di Servizi IT, del quale anche InAsset fa parte.

 

La nuova sede strizza l’occhio all’ambiente. Visto che i Datacenter (quello di InAsset è stato appena re-certificato da Uptime Institute come uno dei più sicuri e affidabili al mondo) sono strutture che consumano grandi quantità di energie, l’impresa friulana ha sempre privilegiato le tecnologie che consentono di utilizzare le fonti rinnovabili. Fin dal 2010 ha realizzato i due impianti di free cooling che recuperano l’aria fresca esterna allo scopo di raffreddare i server, e già da otto anni si è munita di impianto fotovoltaico da 150 kWh, che entro il 2018 salirà a 250 kWh di potenza. «Abbiamo utilizzato questo approccio – svela Roberto Cella, amministratore delegato e fondatore di InAsset – anche per il progetto del nuovo One InAsset Center, andando a recuperare una palazzina interamente in legno e vetro realizzata per l’Expo di Milano del 2015. Se non l’avessimo “riscoperta” noi, probabilmente sarebbe rimasta inutilizzata». Il progetto del nuovo complesso ha comportato un ingente sforzo: gli incaricati hanno dovuto smontare la struttura, pulire i materiali e poi rimontare l’edificio, «ma oltre a ottenere, come risultato finale, una struttura bella, moderna e ad altissimo risparmio energetico – evidenzia ancora Cella -, è fonte di grande orgoglio, perché ha permesso di riciclare migliaia di metri cubi di legno evitando il taglio di altri alberi».

Nel progetto definitivo sono previsti la sala congressi, le meeting room, un ristorante, un hotel, un asilo e anche una palestra per i propri collaboratori. È già stata pianificata, infatti, la realizzazione di un secondo lotto, che prevede a regime, ben 12 mila metri quadri dotati di strumenti, mezzi e sistemi di comunicazione multimediali per fornire anche ai propri clienti un servizio di livello sempre più esclusivo e innovativo.

 

One InAsset Center è stato pensato da Roberto Cella come un abilitatore tecnologico, facilitatore di informatizzazione per le imprese che devono stare al passo con i mutamenti della tecnologia, ma che spesso non possono investire in attrezzature e architetture di rete sofisticate. InAsset, contestualmente all’apertura del suo nuovo centro, ha realizzato una struttura di uffici dedicata ai clienti che possano utilizzarla nel caso in cui la propria sede sia stata resa indisponibile a causa di un evento grave (quali, per esempio, incendi o calamità naturali). In questa maniera, i clienti di InAsset potranno usufruire di un servizio di Disaster Recovery sia per la parte dei sistemi informativi, ma anche con la possibilità di far lavorare i propri dipendenti, garantendo così la continuità operativa aziendale anche in caso di eventi sfortunati.

 

Il Polo tecnologico sarà collegato in fibra ottica direttamente con il Datacenter (altra eccellenza di InAsset, premiata a livello internazionale), e le aziende che vorranno utilizzare il palinsesto dei servizi proposti avranno a disposizione un collegamento a Internet con una banda di 1 Gbps utilizzando gli altri Datacenter del gruppo (Bergamo, Milano, Bologna, Padova e Roma) come se fossero in rete locale. «Questo – conclude Cella, senza nascondere il proprio orgoglio – è il brillante risultato che InAsset ha ottenuto realizzando concretamente quello che poteva sembrare semplicemente una visione utopica, dimostrando così il suo consolidamento infrastrutturale non soltanto nel Triveneto, ma anche a livello nazionale».

Il Gruppo Partners Associates investe nell’infrastruttura di Inasset

Gruppo Partners Associates, system integrator partecipato da FVS e RiverRock, ha annunciato l’acquisizione del 97,63% di Inasset Srl (www.inasset.it), società specializzata nella gestione di servizi ed infrastrutture di Datacenter.

Udine, 12/2/2018 
Gruppo Partners Associates, system integrator partecipato da FVS e RiverRock, ha annunciato l’acquisizione del 97,63% di Inasset Srl (www.inasset.it), società specializzata nella gestione di servizi ed infrastrutture di Datacenter.

I soci di riferimento di Inasset sono entrati a fare parte dell’azionariato di Gruppo PA affiancando la famiglia Baracetti e gli investitori FVS e RiverRock per proseguire nello sviluppo del Gruppo stesso che beneficerà dell’integrazione industriale.

L’operazione è il risultato di una combinazione industriale volta a cogliere nuove sinergie ed opportunità sul mercato italiano e non. In particolare, grazie a questa acquisizione, Gruppo Partners Associates si conferma un leader nel mercato del Cloud Computing e rafforza la sua capacità di offrire servizi sempre più innovativi per la gestione dei sistemi critici dei propri clienti.

L’integrazione infatti consentirà al Gruppo Partners Associates di fare un importante passo verso l’interconnettività da offrire alle aziende clienti, interconnettività non solo tra le diverse sedi del singolo cliente a livello mondiale, ma anche con le reti di clienti, fornitori, partner e collaboratori di un’azienda, in quanto oggigiorno gran parte dei flussi informativi avvengono sempre meno all’interno dell’azienda e sempre più in cloud.

L’integrazione nel Gruppo dell’infrastruttura di Inasset (costituita sia dal data center proprietario, ulteriori tre datacenter che garantiscono la continuità operativa ed il Disaster Recovery, che da circa 1.500 chilometri di fibra proprietaria, a cui si aggiungono ulteriori 2.000 chilometri di fibra gestita a copertura di gran parte del Nord Est) consentirà di sviluppare il portafoglio clienti di entrambe le società  tramite l’offerta di nuovi prodotti e servizi in grado di migliorare e completare il livello di assistenza su tutto il panorama di servizi ICT necessari nell’attuale era digitale, quali software gestionali (SAP, Microsoft Dynamics, software e prodotti proprietari, etc), CRM, Business Analytics, Networking, Cybersecurity, servizi in Cloud e Datacentering.

 

A seguito di tale operazione il Gruppo Partners Associates, comprendendo la neo acquisita Inasset, ha chiuso il 2017 con un fatturato pro forma di circa 60 milioni di Euro e un Ebitda di circa 7,5 milioni di Euro e dichiara la propria volontà di diventare un polo aggregante di riferimento per il settore dei provider di servizi IT, crescendo anche attraverso l’aggregazione di altri operatori presenti sul territorio.

Ennio Baracetti, Presidente del Gruppo Partners Associates ha dichiarato: “Un’operazione strategica. Sentita necessaria per la crescita del gruppo, cercata con capillarità, voluta nella massima convinzione di fare la differenza sul mercato e trovata in una struttura e con delle persone straordinarie che hanno gli stessi obiettivi del gruppo: crescere, migliorarsi, raggiungere obiettivi sempre più sfidanti.

Roberto Cella, Fondatore, Presidente di Inasset e nuovo socio di Gruppo PA ha dichiarato: “Con questa operazione stiamo dando ascolto ed una solida risposta alle continue richieste provenienti sia dai nostri clienti, che soprattutto del mercato, per la fornitura non solo di Cloud Computing, ma servizi gestiti e cybersecurity. L’obiettivo di Inasset è sempre stata la soddisfazione del cliente e la nostra risposta alle richieste è stata l’unione di due eccellenze, ognuna nel suo campo, che possano coprire ogni ambito del mondo ICT. Un unico responsabile ed un unico interlocutore per ogni esigenza.

Il Gruppo sta proseguendo nella crescita anche nei primi mesi del 2018 e, a conferma di ciò, prevede di inserire nel proprio organico trentacinque nuove figure professionali entro giugno 2018 (tali risorse si aggiungeranno alle settecento già operative). Le selezioni sono già iniziate e comprendono i seguenti settori: sistemista junior, sistemista senior, commerciale, responsabile marketing e comunicazione.

Michele Petrazzo, Amministratore Delegato di Inasset e nuovo socio di Gruppo PA ha aggiunto: “Nella crescente complessità del mondo tecnologico di oggi e domani, Inasset ha sempre creduto che offrire soluzioni a tutto tondo sia la proposizione corretta per differenziarsi. L’evoluzione ed il miglioramento continuo deve portare a creare sempre nuove soluzioni tecnologiche ed evolute, ma anche a compiere grandi e strategici passi di integrazione. Inasset e Gruppo PA sono il perfetto connubio tra infrastruttura e servizi professionali tecnologici nel panorama italiano e non solo.

 

Advisor finanziario del Gruppo PA per la strutturazione dell’operazione è stato RNJ Capital, mentre le Due Diligence sono state effettuate da BDO Transaction Services.

Gli Studi legali che hanno seguito il deal sono stati Osborne & Clarke (con il Partner Umberto Piattelli) per il Gruppo PA e l’Avv Panni per i soci di Inasset.

 

 

Riferimenti per avere maggiori informazioni:

Gruppo Partners Associates: Pierantonio Morici +39 345 3674514

Inasset Srl:  Michele Petrazzo +39 348 4910976

Investitori FVS e RiverRock:  Diego Tognetti +39 346 6185413

FVS E RIVERROCK INVESTONO NEL GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES

Il Gruppo negli anni è cresciuto costantemente anche mediante acquisizioni ampliando il proprio raggio d’azione sia in termini geografici che di servizi offerti sul mercato.

FVS S.G.R. s.p.a., per conto del Fondo denominato “Fondo Sviluppo PMI” (“FVS”), e RiverRock Italian Hybrid Capital Fund (“RiverRock”) hanno investito nel Gruppo Partners Associates (“PA”) di Udine, un system integrator fondato 20 anni fa che offre sia alle grandi imprese che alle PMI un portafoglio di servizi necessari nell’attuale era digitale, quali software gestionali (SAP, Microsoft Dynamics, software e prodotti proprietari, etc), CRM, Business Analytics, Networking, Cybersecurity, servizi in Cloud e Datacentering. Il Gruppo negli anni è cresciuto costantemente anche mediante acquisizioni ampliando il proprio raggio d’azione sia in termini geografici che di servizi offerti sul mercato.

Il Gruppo fa capo ad un team manageriale che raccoglie attorno al nucleo dei fondatori Ennio Baracetti e Maria Corrini altri manager e soci storici tra cui Paola Citelli e Mariano Thiella che hanno sviluppato l’azienda portandola dai 36 milioni di fatturato del 2013 agli oltre 50 milioni del 2017 con una strategia di crescita interna ed esterna realizzando integrazioni tecnologiche e di mercato di varie società.

Il Gruppo vuole proseguire con una chiara strategia di crescita con importanti acquisizioni alle porte per diventare un operatore di riferimento nel settore a livello nazionale. Da qui l’incontro con due partner finanziari – FVS e RiverRock – che hanno scelto di investire per mettere a disposizione di PA le risorse finanziarie necessarie a questa crescita.

L’ingresso nella compagine sociale di FVS e di RiverRock con un investimento complessivo di circa 18 milioni di euro tra capitale di rischio, strumenti ibridi e finanziamento, garantirà all’azienda le risorse finanziarie necessarie per proseguire nella crescita con 2 iniziative di startup e 4 acquisizioni strategiche di cui 2 già in programma. Tali acquisizioni consentiranno di ampliare ulteriormente il portafoglio prodotti e di realizzare un ulteriore salto dimensionale, raggiungendo i 76 milioni di euro di fatturato, oltre all’integrazione di 2 operatori complementari per business e leader nei rispettivi settori di riferimento.

Fabrizio Spagna, Presidente di Friulia Veneto Sviluppo Sgr, esprime tutta la sua soddisfazione per la riuscita dell’operazione: “La società ci è subito piaciuta per la sua capacità di gestire e integrare le acquisizioni che in questo settore sono importanti. Ha una compagine sociale familiare, ma aperta e dinamica che oggi si apre a due investitori: FVS con la nostra caratterizzazione territoriale e RiverRock con la sua dimensione nazionale per creare un operatore leader di mercato in grado di offrire alla clientela servizi a 360 gradi”.

Ugo Fiaccadori e Roberto Ippolito, Managing Partner del fondo RiverRock IHCF hanno dichiarato: “Crediamo che il progetto sia molto bello ed articolato sia dal punto di vista industriale perchè il Gruppo PA può essere un player fondamentale nel processo di digitalizzazione delle PMI italiane che dal punto di vista finanziario perchè testimonia della capacità di “fare sistema” tra fondi che hanno investitori istituzionali come RiverRock ed FVS; è inoltre perfettamente in linea con la missione del nostro fondo di supportare con debito e capitale le PMI nel loro percorso di crescita.” 

Ennio Baracetti, Presidente del Gruppo PA ha dichiarato: “Una forte volontà e determinazione nel crescere ancora e a fronte di una precisa strategia: ampliare e colmare le opportunità di fare business. Oggi, grazie al grande lavoro di squadra con colleghi eccezionali e grazie all’ingresso in Gruppo PA di due importanti partner finanziari quali RiverRock ed FVS, abbiamo raggiunto un obiettivo determinante e strategico per puntare a dei nuovi traguardi ambiziosi”.

Advisor finanziario del Gruppo PA per la strutturazione dell’operazione è stato RNJ Capital, mentre le Due Diligence sono state effettuate da BDO Transaction Services.

Gli Studi legali che hanno seguito il deal sono stati Osborne & Clarke (con il Partner Umberto Piattelli) per il Gruppo PA, Nctm Studio Legale (con il Partner Pietro Zanoni e la Managing Associate Lucia Corradi) per FVS e Dentons (con il Partner Aian Abbas) per RiverRock.